Archivio

Archive for the ‘GUIDE’ Category

COME CREARE UNO STAND DI SUPPORTO AL GALAXY NOTE 3 USANDO LA S PEN

Sinceramente non avevo mai pensato di poter utilizzare la S Pen come supporto per il Note 3.
Il video mostra come fare, insieme ad un altro paio di soluzioni che però necessitano di una cover.
Ho provato ad usare la penna come consigliato e devo dire che funziona. Da dimostrare se vale per tutte le superfici anche le più scivolose.
Come soluzione per vedere un video non è per niente male e non mi sembra che rovini la punta della S Pen.
http://youtu.be/YqiR9VOqhdM

COME PROTEGGERE LA SIM DALLE TRUFFE (TIM)

ladro

Chiunque utilizza un dispositivo mobile per navigare in internet sa che è sempre presente il rischio di vedersi addebitati contenuti a pagamento non desiderati e non richiesti.

Mi riferisco, ad esempio, a quei pop-up che si aprono all’improvviso e che quando proviamo a chiudere ci scalano 2 o 5 o anche 10 euro dal nostro credito telefonico. Oggettivamente sono delle vere e proprie truffe rispetto alle quali quasi mai riusciamo a farci rimborsare.

Poichè, come dice il proverbio, prevenire è meglio che curare, il mio suggerimento è quello di fare in modo di rendere “impermeabile” la scheda sim.

La procedura che vado a descrivere riguarda la Tim, ma credo (spero) che anche gli altri operatori siano in grado di fare lo stesso.

Allora, bisogna chiamare il 119 e chiedere all’operatore il “blocco delle decadi” 43, 44, 46, 47, 48 e 49.

Non mi avventuro in spiegazioni tecniche che non sono in grado di sostenere, diciamo che le decadi sopra indicate sono i veicoli tramite i quali vengono venduti i servizi a pagamento; in particolare quelli più truffaldini.

Perciò, bloccando le decadi, la sim non accetterà più l’addebito dei servizi a pagamento ed il rischio verrà evitato alla radice.

L’unica contro indicazione è che nel blocco generalizzato possa incappare anche un servizio che invece vorremmo tenere. Al 119 mi hanno detto che tramite la loro assistenza tecnica dovrebbero essere in grado di sbloccare il contenuto desiderato fermo restando il blocco della decade.

A titolo di esempio, vi dico che nel mio Note 10.1 ci sono tre quotidiani e due riviste, tutti a pagamento, rispetto ai quali non ho avuto alcun tipo di problema.

COME TRASFERIRE FILE SU SAMSUNG KNOX

image

Una delle principali innovazioni introdotte da Samsung con il Note 3 è Knox, un ambiente protetto ed accessibile solo con password.
Rappresenta perciò un ottimo sistema per tenere i nostri contenuti più importanti al sicuro e lontano da sguardi indiscreti.
La prima cosa che ho cercato di fare è stato trasferire alcuni miei file “preziosi” su Knox; prendendoli dalla memoria principale del Note 3.
Ebbene non ci sono riuscito. Ho provato anche a prenderli da una pennetta usb collegata al terminale e anche tramite Kies (a proposito per il Note 3 occorre scaricare una nuova versione chiamata Kies 3 beta). Niente da fare.
Al netto di miei errori, direi che Knox è irraggiungibile dall’esterno sia via cavo che con il classico copia/incolla dei file. L’unica soluzione che ho trovato è stata tramite Dropbox.
Infatti esiste una versione di Dropbox specifica per Knox. Quindi ho caricato il file sul Dropbox “normale”, l’ho selezionato tramite la versione per Knox e da qui l’ho messo nell’archivio protetto. Avendo raggiunto il mio obiettivo, per il momento non ho fatto altri tentativi, ma penso che forse potrebbe esistere anche un trasferimento via wi-fi.
Voi conoscete altre soluzioni per spostare file già esistenti dentro Knox?

COME PROGRAMMARE UNA TASTIERA ESTERNA PER IL SAMSUNG GALAXY NOTE 2

Abbiamo visto qui nel blog come il Note 2 possa essere validamente integrato con tastiere e mouse esterni.
Nel video a seguire viene spiegato come utilizzare al meglio una tastiera collegata via bluetooth o cavo usb.
Capita infatti che alcuni tasti funzione del Note 2, quale ad esempio il menu, non si possano attivare tramite keyboard. Detto in altre parole, di default non esiste un tasto fisico corrispondente al soft touch di sinistra del Note 2.
Per risolvere il problema esiste un’applicazione chiamata External Keyboard Helper Pro. Al prezzo di € 2.34 – esiste una versione demo per provarla  – diventa possibile creare un’associazione tra i tasti fisici della tastiera e quelli touch del Note 2.
In tal modo, come dimostra il video, si raggiungerà un controllo totale dello smartphone “dall’esterno”.

COME CONFIGURARE IL GALAXY NOTE 10.1 PER NAVIGARE CON TIM CARD 42.2

Se avete acquistato una Tim card per la navigazione internet a 42.2 tramite chiavetta o modem, potete impiegarla anche per connettere in rete il Note 10.1.

E’ un’operazione assolutamente legale poichè il piano tariffario di Tim prevede espressamente la navigazione da pc o tablet.

C’è un solo problema che, almeno io, mi sono trovato a dover risolvere: poichè l’unico vincolo posto da Tim consiste nell’accedere ad internet tramite “ibox” anzichè “wap”, è necessario configurare correttamente il nostro tablet.

Qui nasce il problema che vado a spiegare.

La scelta del corretto punto di accesso alla rete si fa selezionando Impostazioni -> Altre Impostazioni -> Reti Mobili -> Profili -> Tim Web (ibox.tim.it). Peccato che il mio Note 10.1, non appena attivavo la connessione dati, si spostava automaticamente su Tim Wap.

Provavo diverse volte a ripristinare l’accesso Tim Web, ma sempre tornava al Wap. La conseguenza più immediata e decisamente fastidiosa è il costo della navigazione. Infatti, la tariffa “flat” – nel mio caso 25 euro al mese per 10 GB – vale solo per ibox; da wap, invece, il costo è di due euro ad accesso. Ben vedete che i costi variano parecchio.

Non so se questo strano comportamento possa dipendere dalla presenza del modulo telefonico che magari “inganna” la sim che nasce solo dati.

Come che sia la soluzione è molto semplice. Basta modificare il punto di accesso Tim Wap. Ovvero, selezionatelo e, alla voce APN, scrivete ibox.tim.it lasciando inalterato tutto il resto. In pratica dovrete avere una situazione identica alla foto qui sotto. Fatto questo, anche se il tablet deviasse automaticamente sul Tim Wap, la navigazione partirebbe comunque dall’ibox evitando l’addebito di costi non previsti.

Il giorno in cui voleste utilizzare una sim voce e dati potreste ripristinare il Tim Wap come all’origine (consiglio uno screenshot prima di cambiarlo). In alternativa non fate nulla perchè, se non sbaglio, le sim voce e dati di Tim possono accedere ad internet indifferentemente da ibox o da wap (eredità degli iphone).  Screenshot_2013-04-23-11-51-51

LLAMA, AUTOMATIZZIAMO IL NOSTRO ANDROID!

22 marzo 2013 4 commenti

Screenshot_2013-03-17-13-09-19

Che cos’è Llama?

E’ un’app che ci permette in modo semplice e veloce di impostare delle azioni automatiche ogni volta che si verifichino determinate condizioni impostate da noi. Ovvero, la capacità di far fare al robottino verde quello che vogliamo (o quasi) quando siamo in casa, al lavoro, o quando succede qualcosa di specifico.

Il programma ci permette prima di tutto di addestrarlo impostando le famigerate “zone”: posizionando lo smartphone dove abbiamo necessità che Llama memorizzi la posizione, facciamo partire la procedura e in pochi minuti verranno registrate le celle gsm relative a dove siamo.

Il passaggio successivo sarà quello di impostare determinate “condizioni” affinchè si verifichi una determinata “azione”: vi faccio un esempio che utilizzo da più di un anno.

Quando in “zona CASA” e “tra le 23 e le 9.30” azione “profilo QUIETO”. Traducendo, quando sono nella zona casa tra le 23 e le 9.30 attiva il profilo quieto (che ho precedentemente impostato azzerando vibrazioni, notifiche e suonerie, nella sezione apposita dell’app).

Ci sono una miriade di condizioni e azioni impostabili, dall’entrata e uscita da una zona, all’attivazione del BT, all’inserimento in carica…alle azioni come cambia profilo, fai partire app, spegni il dispositivo (solo con root). Insomma, sbizzarrirsi con la fantasia è un attimo!

Rispetto a molti altri programmi come Tasker ha una maggiore semplicità di utilizzo ed è impostato principalmente per lavorare interagendo con delle zone, vera peculiarità di questo programma. Ma nulla ci vieta di comporre sequenze automatizzate di tutt’altro tipo.

Ecco un altro esempio che utilizzo:

Quando “in carica” e “BT collegato con MDVD-301” azione “imposta SPEGNI DISPLAY MAI”. Ovvero, quando il cell è attaccato alla corrente e collegato all’autoradio (si, puoi impostare anche uno specifico dispositivo BT!), il display si imposta per non spegnersi di modo da facilitarmi nella consultazione del telefono senza premere bottoni vari e distrarmi dalla guida

Comodo, vero?

Lo trovate gratuitamente sul Play Store qui.

COME SFRUTTARE IL BLUETOOTH E L’A2DP CON IL GALAXY NOTE (E NON SOLO)

14 marzo 2013 12 commenti

bluetooth

Ciao a tutti.

Oggi volevo illustrarvi la mia personale esperienza con il fantomatico Bluetooth, questo grande sconosciuto.

Per dovere di cronaca dobbiamo dire che il Bluetooth (d’ora in poi BT) nasce come uno standard di trasmissione dati senza fili a breve raggio e bassa potenza, partito dalla versione 1.0 più lenta via via verso versioni più veloci fino alla 4.0; l’idea di trasferire informazioni tra periferiche per loro necessità vicine, ha aperto un mondo di possibilità per gli utilizzatori finali.

E siccome io ho per il lavoro ne faccio grande utilizzo, ho sperimentato una serie di collegamenti che mi rendono la giornata più semplice.

Prima di tutto però bisogna avere ben chiaro che il BT è uno strumento che DEVE semplificare la vita, non complicarla. Ho visto molte persone con auricolari BT con molte di funzioni sfruttati al 20% della loro potenzialità solo perchè “ha molte funzioni, non capisco a che mi servono…”, oppure perchè semplicemente bastava una periferica più semplice (e meno costosa, che non fa schifo).

Secondariamente cercare delle applicazioni che potranno aiutarci, in combinazione col BT, ad avere la migliore esperienza di utilizzo. Avere tutto sincronizzato ma utilizzare uno scomodo programma per ascoltare musica, ad esempio, può essere frustrante. O una rom poco performante, magari.

Terzo, il BT è lento. Non vi aspettate fulminee connessioni, o paragoni con il WIFI. Qui si va piano. Ma si usa anche poca energia.

Personalmente guido moltissimo per lavoro, cosa che mi ha obbligato a utilizzare il meno possibile lo smartphone con le mani; avere a disposizione inoltre la mia raccolta musicale sempre sincronizzata mi evita di tirarmi dietro chiavette, cd, dvd. Chiaramente tutto contemporaneamente, sennò che senso ha?

Il mio primo passo è stato ovviamente dotarsi di un autoradio/car system che supporti il BT: attenzione però, assicuratevi che supporti almeno lo standard A2DP, ovvero la possibilità di poter trasferire oltre all’audio in uscita dal telefono, anche audio multimediale e funzioni avanzate (che vi illustrerò con il mio caso); altrimenti l’unico utilizzo che potrete farne sarà rispondere alle telefonate e caricare la rubrica!

Secondo passo scaricare applicazioni funzionali che supportino feature avanzate. Mi spiego meglio. Di norma in Android la presenza dell’A2DP permette ad esempio di fare streaming tra il telefono e l’autoradio e ascoltare la musica direttamente nelle casse, mettere in pausa automaticamente un brano quando arriva una chiamata e riprenderlo nel momento del termine della stessa, mettersi in pausa quando utilizziamo la dettatura vocale; certe applicazioni, in aggiunta, permettono di abilitare un controllo più completo  (tipo PowerAmp Pro che ha qualche funzione relativa al BT, o Llama che lo accende o spegne o ne rileva se connesso) per rendere ancora più personalizzabile l’interazione tra periferiche e applicazioni.

Perchè il succo di tutta questa situzione che si viene a creare si riassume proprio in questo: interazione tra dispositivi, hardware e software.

Ecco già che si delinea il mio profilo: mani sul volante, Note collegato al caricabatterie, BT collegato, Llama riconosce il BT connesso e imposta il display su “TIME OUT SCHERMO: MAI”,  Spotify avviato per ascoltare le playlist scaricate la sera prima in streaming, Google Navigatore con le indicazioni vocali (che mettono in pausa la musica quando intervengono perchè il sistema in automatico da la priorità all’audio del navigatore), telefono attivo. Per ascoltare musica utilizzo anche AMP+ o Google Play Music, o il caro vecchio WinAmp.

Potrebbe esservi la possibilità di qualche imputamento del sistema, dovuto all’intrinseca bassa velocità del BT (non è nato per trasferire molti dati in poco tempo, come il WIFI, ma per trasferirli consumando il meno possibile!), o alla scarsa ottimizzazione di qualche rom cucinata; sarei curioso di vedere come lavora con un BT4.0, in quanto il Galaxy Note supporta la 3.0. Addirittura delle volte questi impuntamenti bloccano anche l’autoradio.Quando si parla di interazione…

La prossima volta parlerò nello specifico di qualcuna delle app nominate sopra, cosa sono e come le uso.

E ricordate, la pazienza col BT è una dote fondamentale!

COME GESTIRE IL MENU SEGRETO DEI GALAXY NOTE E NOTE 2

MENU SEGRETO NOTEI Samsung Galaxy Note e Note 2 hanno un menu segreto dal quale testare alcune delle funzioni del terminale.

Per accedere a questo menu occorre selezionare la tastiera del telefono e digitare la sequenza

*#0*#

Per uscire servono una o due pressioni del tasto “back/return”

Come potete vedere dalla foto, nella prima riga abbiamo la possibilità di verificare i tre colori di base Red, Green, Blue del display al fine di cercare eventuali pixel rotti.

Receiver e Vibration servono per testare il buon funzionamento del ricevitore – si deve sentire un beep – e della vibrazione.

Dimming è il test per la luminosità.

Mega cam prova il funzionamento della fotocamera posteriore.

Sensor è il test appunto dei sensori di prossimità, barometro, luci, giroscopio, bussola.

Touch serve per verificare se esistono aree dello schermo meno o per nulla reattive alla pressione. La prova consiste nel premere le diverse parti della schermata di prova, anche i quadrati verdi, e verificare cosa succede.

Sleep è la funzione che verifica se il telefono va in stand-by. Se tutto funziona occorre sbloccare lo schermo e reinserire il codice di accesso al menu segreto.

Speaker verifica il funzionamento del vivavoce attraverso l’emissione di una serie di toni.

Sub key sono i tasti Menu e Back che si trovano ai lati del tasto Home. La prova consiste nel tappare Sub key sul menu e poi, di seguito, uno o entrambi i tasti Menu e Back. Se tutto funziona, lo schermo cambia colore.

Front cam è il test di funzionamento della fotocamera frontale. Se tutto è a posto, sullo schermo appare ciò che viene ripreso dalla camera.

LED prova i vari led. La sequenza di apparizione ad ogni pressione del tasto sarà Rosso, Verde, Blu, Fine.

Low frequency è relativo alle varie frequenze del pannello LCD.

Trattandosi di un menu utile per verificare malfunzionamenti, lo utilizzerei solo in caso di dubbi e magari prima di portare il telefono in assistenza. Giusto per andare preparati e consapevoli sul reale stato del telefono.

COME OTTENERE I DIRITTI DI ROOT (E LA CWM) SUL SAMSUNG GALAXY NOTE 2 CON CHAINFIRE

Da pochi giorni è stata rilasciata la versione ufficiale del CF-Root di Chainfire che consente di rootare il Galaxy Note 2 N7100 (vale solo per i Note siglati N7100) mantenendo la recovery ufficiale Samsung.

In altre parole, si avranno solo i diritti di root senza la ClockWorkMod.

Rootare il telefono annulla la garanzia.

Agite solo se consapevoli di quello che fate. Non sono responsabile di eventuali danni al vostro dispositivo.

La procedura, ripresa da TheAndroidSoul, è piuttosto semplice.

  1. Scaricate Samsung Kies, apritelo e collegate il Note 2 al PC. Questo solo al fine di installare i drivers del telefono
  2. Scaricate CF-Root per il Note 2. Link al file CF-Auto-Root-SGN2.zip
  3. Estraete il file CF-Auto-Root-SGN2.zip fino ad ottenere un file con estensione .tar (il nome del file non cambia)
  4. Scaricate il software Odin v3.04. Link al file Odin3_v3.04.zip
  5. Estraete il contenuto del file .zip fino ad ottenere il file Odin3 v3.04.exe. Lasciate perdere gli altri file.
  6. Spegnete il Note 2 ed aspettate almeno 10 secondi
  7. Mettete il Note 2 in download mode spingendo contemporaneamente i tasti Power + Home + Volume Giù. Quando appare una scritta warning, premete Volume Su
  8. Aprite Odin clickando sul file .exe precedentemente estratto. Assicuratevi che Kies sia chiuso.
  9. Collegate il Note 2 al computer. Otterrete il messaggio Added! in una casella in basso a sinistra dentro Odin. Se non vedete nulla, fermatevi e controllate se i drivers sono installati correttamente. Eventualmente provate cambiando la porta Usb. Senza la scritta Added! è inutile proseguire
  10. Clickate su PDA dentro Odin e selezionate il file CF-Auto-Root-SGN2.tar
  11. Non toccate null’altro ed assicuratevi che la casella Re-Partition non sia selezionata
  12. Clickate su Start ed in meno di un minuto avrete rootato il vostro Note 2. Sempre dentro Odin, in alto a sinistra, vedrete PASS all’interno di una casella verde
  13. Il telefono verrà riavviato e da quando apparirà il logo Samsung potrete scollegarlo dal PC
  14. Se dopo avere clickato Start qualcosa non funzionasse, tipo non succede nulla o compare la scritta FAIL in una casella rossa, staccate il telefono dal PC, chiudete Odin, togliete la batteria al Note 2 per 10 secondi e reinseritela, rimettete il Note 2 in download mode e ricominciate la procedura partendo dal punto 8.

Link a XDA

Se invece del solo root volete anche la CWM, potete scaricare il file cwm6-root-n7100.rar da link 1 o da link 2

I passaggi sono gli stessi, semplicemente usate il file cwm6-root-n7100.rar al posto del CF-Auto-Root-SGN2.tar

 

COME OTTENERE I DIRITTI DI ROOT SUL SAMSUNG GALAXY NOTE 10.1

Al momento esistono due metodi per ottenere i permessi di amministratore sul Galaxy Note 10.1.

Con il primo metodo si fa solo il root, mentre con il secondo si installa anche la ClockWorkMod.

Al momento non li ho ancora testati sul mio Note 10.1 e non sono responsabile di eventuali danni derivanti dall’applicazione di queste procedure.

Metodo 1

Questo metodo inserisce i diritti di root su di un firmware ufficiale Samsung, perciò sarà possibile continuare a ricevere gli aggiornamenti via OTA. Inoltre non verrà toccato il contatore che invalida la garanzia. Basterà fare “l’unroot” per riavere il tablet in condizioni assolutamente originali.

Vediamo i vari passaggi

  • Dalle impostazioni occorre leggere quale firmware è installato nel Note. Per i Note europei Wi-Fi e 3G dovrebbe essere XXLGA, per i soli Wi-Fi UEALGB.
  • Mettere il Note 10.1 in download mode tenendo premuti contemporaneamente per almeno 15 secondi  i tasti Accensione e Volume giù.
  • Quando appare un “Warning!” premere Volume Su.
  • Scaricare la rom Samsung con il root incorporato (download XXLGA oppure download UEALGB), circa 1GB.
  • Estrarre il file della rom fino ad ottenere un file con estensione .tar (a volte appare anche md5).
  • Scaricare Odin (download) ed estrarre il file.
  • Aprire Odin.
  • Connettere il Note 10.1 direttamente al computer tramite cavo USB.
  • Se avete preventivamente collegato il Note 10.1 al computer tramite Kies avrete già i drivers installati, altrimenti scaricate Samsung USB Drivers per Windows (download).
  • Su Odin dovrebbe comparire una casella gialla con sopra scritto COM e un numero.
  • Non toccare nulla delle configurazioni di Odin, solo flaggare PDA ed inserire il file .tar della rom relativa al Note 10.1 posseduto.
  • Cliccare su Start ed attendere l’installazione della rom.
  • Al termine della procedura comparirà PASS in verde dentro Odin ed il Note 10.1 verrà riavviato.
  • Tra le applicazioni vedremo SuperSU

Metodo2

Questo metodo, grazie alla presenza della CWM, consente di installare, backuppare, ripristinare rom e flashare file zip.

Funziona sia per i 3G che per i solo Wi-Fi. Altera il contatore interno al tablet invalidando la garanzia.

Sembra che Chainfire stia lavorando per rendere funzionante la sua applicazione Triangle Away anche per il Note 10.1, ma al momento non c’è la possibilità di resettare il contatore.

Vediamo i vari passaggi.

  • Scaricare RootGalaxyNote10.1.zip (download), circa 20MB.
  • Nel file troviamo CWMSuperSU-v0.94.zip che va copiato nella SD Card del Note (interna o esterna a piacere), HighOnAndroidCWMRecoveryGTN8000.tar e Odin3v1.85.exe.
  • Da spento mettiamo il Note in Download Mode premendo contemporaneamente Accensione e Volume giù.
  • Quando appare Warning! premere Volume Su.
  • Avviare Odin e collegare il Note 10.1 direttamente al computer via cavo USB.
  • Attendere che compaia in alto una casella in giallo con sopra scritto COM ed un numero.
  • Lasciare tutto come si trova e flaggare solo PDA.
  • Caricare in Odin il file HighOnAndroidCWMRecoveryGTN8000.tar.
  • Cliccare Start.
  • Attendere che appaia PASS in verde.
  • Il Note 10.1 si riavvierà.
  • Staccare il Note 10.1 dal computer.
  • Spegnere il Note.
  • Avviare il Note  in Recovery premendo contemporaneamente Accensione e Volume Su.
  • Quando appare il logo Samsung rilasciare il tasto Accensione e continuare a premere Volume Su.
  • Rilasciare il tasto Volume Su quando appare la schermata della Recovery.
  • Con i tasti volume scorrere l’elenco e scegliere Install From SD Card.
  • Confermare con il tasto Power.
  • Selezionare Choose Zip From SD Card o From External SD Card a seconda di dove abbiamo copiato il file CWMSuperSU-v0.94.zip.
  • Confermare con il tasto Power.
  • Selezionare dall’elenco il file CWMSuperSU-v0.94.zip.
  • Confermare con il tasto Power.
  • Con i tasti Volume andare sulla riga YES e confermare con power.
  • Dopo il flash del file .zip tornare indietro sempre con i tasti volume e selezionare Reboot.
  • Nelle applicazioni avremo ora SuperU e RomManager che non sono sicuro che funzioni.

 

LINK AL THREAD DI XDA

vivohitech

Tecnologie quotidiane

Il più bello dei mari ...

Life is what happens to you while you're busy making other plans

xda-developers

News Recensioni & Video sul Note

www.androidworld.it/

Just another WordPress.com site

Androidiani.com

La più grande community italiana su android

feedsportal.com - This domain may be for sale!

News Recensioni & Video sul Note

Android HDblog

News Recensioni & Video sul Note

Tecnophone, tecnologia e cellulari per tutti i gusti!!

Tecnologia & cellulari per tutti i gusti!!!

Batista70Phone Blog

Il Lato Umano della Tecnologia

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.