Archivio

Posts Tagged ‘Diritti di Root’

DIRITTI DI ROOT PER IL GALAXY NOTE 10.1 CON CF AUTO ROOT DI CHAINFIRE

Un modo molto semplice e poco invasivo per ottenere i permessi di root sul tablet Note 10.1 è quello di utilizzare il kernel di Chainfire.

Mi riferisco al famoso CF Auto Root.

Esistono versioni sia per il Note 10.1 3G e Wi-Fi (GT-N8000) che per il solo Wi-Fi (GT-N8010). Ho scritto che è un’operazione semplice e poco invasiva poichè l’installazione del file sblocca il firmware installando il solo SuperSU e lasciando la recovery originale (ed anche il firmware originale).

Ciò vuol dire che ci saranno delle limitazioni rispetto a ciò che si può fare con una recovery modificata e/o una rom deodexed.

Quindi il kernel di Chainfire va bene per chi desidera avere un terminale esattamente identico all’originale con la sola aggiunta del root.

La procedura di installazione è molto semplice: basta aprire Odin3 v1.85, flaggare PDA e selezionare il file decompresso (tar.md5) del kernel relativo al modello di tablet posseduto. Con il Note 10.1 in download mode (Power + Volume giù) bastano pochi secondi per completare il tutto.

La certezza che l’operazione è andata a buon fine si ha quando in fase di riavvio il “pupazzetto” android diventa rosso anzichè verde e nelle applicazioni trovate SuperSU.

Se vedete il rosso, ma non trovate SuperSu, scaricate l’applicazione da Google Play. Se il logo android rimane verde occorre ripetere la procedura.

Poichè il root modifica il contatore dei flash interno al Note 10.1, Chainfire mette a disposizione Triangle Away per il ripristino.

Questo è il link a Xda dove trovate le istruzioni per l’installazione e per il download di Odin3 al post 2 ed i link per il downoload dei vari kernel al post 3.

COME OTTENERE I DIRITTI DI ROOT (E LA CWM) SUL SAMSUNG GALAXY NOTE 2 CON CHAINFIRE

Da pochi giorni è stata rilasciata la versione ufficiale del CF-Root di Chainfire che consente di rootare il Galaxy Note 2 N7100 (vale solo per i Note siglati N7100) mantenendo la recovery ufficiale Samsung.

In altre parole, si avranno solo i diritti di root senza la ClockWorkMod.

Rootare il telefono annulla la garanzia.

Agite solo se consapevoli di quello che fate. Non sono responsabile di eventuali danni al vostro dispositivo.

La procedura, ripresa da TheAndroidSoul, è piuttosto semplice.

  1. Scaricate Samsung Kies, apritelo e collegate il Note 2 al PC. Questo solo al fine di installare i drivers del telefono
  2. Scaricate CF-Root per il Note 2. Link al file CF-Auto-Root-SGN2.zip
  3. Estraete il file CF-Auto-Root-SGN2.zip fino ad ottenere un file con estensione .tar (il nome del file non cambia)
  4. Scaricate il software Odin v3.04. Link al file Odin3_v3.04.zip
  5. Estraete il contenuto del file .zip fino ad ottenere il file Odin3 v3.04.exe. Lasciate perdere gli altri file.
  6. Spegnete il Note 2 ed aspettate almeno 10 secondi
  7. Mettete il Note 2 in download mode spingendo contemporaneamente i tasti Power + Home + Volume Giù. Quando appare una scritta warning, premete Volume Su
  8. Aprite Odin clickando sul file .exe precedentemente estratto. Assicuratevi che Kies sia chiuso.
  9. Collegate il Note 2 al computer. Otterrete il messaggio Added! in una casella in basso a sinistra dentro Odin. Se non vedete nulla, fermatevi e controllate se i drivers sono installati correttamente. Eventualmente provate cambiando la porta Usb. Senza la scritta Added! è inutile proseguire
  10. Clickate su PDA dentro Odin e selezionate il file CF-Auto-Root-SGN2.tar
  11. Non toccate null’altro ed assicuratevi che la casella Re-Partition non sia selezionata
  12. Clickate su Start ed in meno di un minuto avrete rootato il vostro Note 2. Sempre dentro Odin, in alto a sinistra, vedrete PASS all’interno di una casella verde
  13. Il telefono verrà riavviato e da quando apparirà il logo Samsung potrete scollegarlo dal PC
  14. Se dopo avere clickato Start qualcosa non funzionasse, tipo non succede nulla o compare la scritta FAIL in una casella rossa, staccate il telefono dal PC, chiudete Odin, togliete la batteria al Note 2 per 10 secondi e reinseritela, rimettete il Note 2 in download mode e ricominciate la procedura partendo dal punto 8.

Link a XDA

Se invece del solo root volete anche la CWM, potete scaricare il file cwm6-root-n7100.rar da link 1 o da link 2

I passaggi sono gli stessi, semplicemente usate il file cwm6-root-n7100.rar al posto del CF-Auto-Root-SGN2.tar

 

COME OTTENERE I DIRITTI DI ROOT SUL SAMSUNG GALAXY NOTE 10.1

Al momento esistono due metodi per ottenere i permessi di amministratore sul Galaxy Note 10.1.

Con il primo metodo si fa solo il root, mentre con il secondo si installa anche la ClockWorkMod.

Al momento non li ho ancora testati sul mio Note 10.1 e non sono responsabile di eventuali danni derivanti dall’applicazione di queste procedure.

Metodo 1

Questo metodo inserisce i diritti di root su di un firmware ufficiale Samsung, perciò sarà possibile continuare a ricevere gli aggiornamenti via OTA. Inoltre non verrà toccato il contatore che invalida la garanzia. Basterà fare “l’unroot” per riavere il tablet in condizioni assolutamente originali.

Vediamo i vari passaggi

  • Dalle impostazioni occorre leggere quale firmware è installato nel Note. Per i Note europei Wi-Fi e 3G dovrebbe essere XXLGA, per i soli Wi-Fi UEALGB.
  • Mettere il Note 10.1 in download mode tenendo premuti contemporaneamente per almeno 15 secondi  i tasti Accensione e Volume giù.
  • Quando appare un “Warning!” premere Volume Su.
  • Scaricare la rom Samsung con il root incorporato (download XXLGA oppure download UEALGB), circa 1GB.
  • Estrarre il file della rom fino ad ottenere un file con estensione .tar (a volte appare anche md5).
  • Scaricare Odin (download) ed estrarre il file.
  • Aprire Odin.
  • Connettere il Note 10.1 direttamente al computer tramite cavo USB.
  • Se avete preventivamente collegato il Note 10.1 al computer tramite Kies avrete già i drivers installati, altrimenti scaricate Samsung USB Drivers per Windows (download).
  • Su Odin dovrebbe comparire una casella gialla con sopra scritto COM e un numero.
  • Non toccare nulla delle configurazioni di Odin, solo flaggare PDA ed inserire il file .tar della rom relativa al Note 10.1 posseduto.
  • Cliccare su Start ed attendere l’installazione della rom.
  • Al termine della procedura comparirà PASS in verde dentro Odin ed il Note 10.1 verrà riavviato.
  • Tra le applicazioni vedremo SuperSU

Metodo2

Questo metodo, grazie alla presenza della CWM, consente di installare, backuppare, ripristinare rom e flashare file zip.

Funziona sia per i 3G che per i solo Wi-Fi. Altera il contatore interno al tablet invalidando la garanzia.

Sembra che Chainfire stia lavorando per rendere funzionante la sua applicazione Triangle Away anche per il Note 10.1, ma al momento non c’è la possibilità di resettare il contatore.

Vediamo i vari passaggi.

  • Scaricare RootGalaxyNote10.1.zip (download), circa 20MB.
  • Nel file troviamo CWMSuperSU-v0.94.zip che va copiato nella SD Card del Note (interna o esterna a piacere), HighOnAndroidCWMRecoveryGTN8000.tar e Odin3v1.85.exe.
  • Da spento mettiamo il Note in Download Mode premendo contemporaneamente Accensione e Volume giù.
  • Quando appare Warning! premere Volume Su.
  • Avviare Odin e collegare il Note 10.1 direttamente al computer via cavo USB.
  • Attendere che compaia in alto una casella in giallo con sopra scritto COM ed un numero.
  • Lasciare tutto come si trova e flaggare solo PDA.
  • Caricare in Odin il file HighOnAndroidCWMRecoveryGTN8000.tar.
  • Cliccare Start.
  • Attendere che appaia PASS in verde.
  • Il Note 10.1 si riavvierà.
  • Staccare il Note 10.1 dal computer.
  • Spegnere il Note.
  • Avviare il Note  in Recovery premendo contemporaneamente Accensione e Volume Su.
  • Quando appare il logo Samsung rilasciare il tasto Accensione e continuare a premere Volume Su.
  • Rilasciare il tasto Volume Su quando appare la schermata della Recovery.
  • Con i tasti volume scorrere l’elenco e scegliere Install From SD Card.
  • Confermare con il tasto Power.
  • Selezionare Choose Zip From SD Card o From External SD Card a seconda di dove abbiamo copiato il file CWMSuperSU-v0.94.zip.
  • Confermare con il tasto Power.
  • Selezionare dall’elenco il file CWMSuperSU-v0.94.zip.
  • Confermare con il tasto Power.
  • Con i tasti Volume andare sulla riga YES e confermare con power.
  • Dopo il flash del file .zip tornare indietro sempre con i tasti volume e selezionare Reboot.
  • Nelle applicazioni avremo ora SuperU e RomManager che non sono sicuro che funzioni.

 

LINK AL THREAD DI XDA

DIRITTI DI ROOT SU GALAXY NOTE ROM N7000XXLRQ

Dopo avere aggiornato il mio Galaxy Note alla più recente rom disponibile ovvero la N7000XXLRQ ho provveduto ad ottenere i permessi di root e la cwm mediante il flash del kernel di Chainfire CF-Root-SGN_XX_DBT_LRQ-v5.6-CWM5.zip che trovate qui.

Al momento tutto funziona correttamente.

Soltanto ho dovuto disinstallare e poi reinstallare AdAway – applicazione per bloccare la pubblicità – che non funzionava correttamente.

La procedura che ho seguito è la numero 9 che trovate nell’apposito topic del forum di Batista70.

Esplicito qui alcuni passaggi che la guida di Batista70 da per scontati.

  1. Come avrete notato il kernel di Chainfire è zippato, perciò, dopo averlo scaricato, bisogna estrarlo per ottenere un file .tar (il nome rimane identico).
  2. Aprite il programma Odin 1.85 ed inserite il file .tar in PDA lasciando tutto il resto come appare di default.
  3. Spegnete il Note.
  4. Mettete il Note in download mode. Ovvero premete contemporaneamente i tasti accensione + volume giù + home.
  5. Una volta che il Note è in download, date conferma e poi collegatelo al PC.
  6. Attendete che in alto a sinistra si colori di giallo una casella con scritto com24 o simile.
  7. Cliccate su Start ed attendete – in genere basta meno di un minuto.
  8. Attendete che sempre in alto a sinistra compaia PASS dentro una casella verde.
  9. Arrivati a  questo punto potete staccare il Note dal PC.
  10. Una volta riavviato il Note troverete nell’app drawer CWM e SuperSU.

Come scritto nella guida la procedura attiva il triangolo giallo ed il contatore dei flash che vanno rimossi con Triangle Away.

Se volete evitare triangolo e contatore dovete seguire altre guide che stanno nel link al topic di Batista70 che ho messo sopra.

Come saprete i kernel di Chainfire derivano da quelli stock Samsung che sono affetti dal richio di brick.

Se ve la cavate con l’inglese vi consiglio di leggere quanto scritto da Chainfire su XDA. Altrimenti riassumo io per quello che ho capito: la cwm inclusa nel CF-Root kernel v5.6 – quello di questa guida – dovrebbe essere stata messa in sicurezza dal lavoro di Chainfire.

Tuttavia, Chainfire, onestamente non garantisce al 100%. 

Perciò il rischio di brickare non può essere totalmente escluso.

Perciò sconsiglio come sempre di resettare il Note sia dalla cwm che dal menu impostazioni di Android. Come scrive Chainfire anche gli update.zip sono a rischio di brick.

DIRITTI DI ROOT SU GALAXY NOTE ICS 4.0.4


EDIT: SU XDA E’ COMPARSO UN THREAD DOVE DICONO DI NON USARE IL FILE CWM.ZIP PER IL ROOT, SEMPRE CAUSA RISCHIO DI BRICK.
IO L’HO USATO E COME HO SCRITTO NON È SUCCESSO NULLA. IN ATTESA DI MAGGIORI CHIARIMENTI, MEGLIO NON RISCHIARE.
ECCO IL LINK DI CUI PARLO.

Oggi ho provveduto ad aggiornare il mio Galaxy Note ad Ice Cream Sandwich versione 4.0.4.

Poiché provenivo da Gingerbread 2.3.6 rootato, ho dovuto flashare la nuova rom  N7000XXLRI tramite il programma Odin 1.85.

Prima di procedere all’installazione di ICS ho provveduto ad effettuare, da recovery, i soliti tre wipe (cache, data, dalvik).

Per gestire la situazione ho fatto riferimento a questo thread di Xda dove in prima pagina trovate una guida dettagliata e piuttosto chiara.

Di mio aggiungo alcune considerazioni.

Con il root della guida sopra citata, si ottiene solo Superuser e non la CWM.

La CWM può essere installata a parte, anche se dato il rischio di brick bug a mio parere è meglio lasciare perdere. Infatti, in rete più di qualcuno sostiene che la CWM non deve essere mai utilizzata, per nessuna delle sue funzioni.

Comunque sia, al momento non esiste un CF-ROOT dedicato alla LRI, perciò si usa quello per la LRG.

Dopo flash e root, il mio Note funziona bene (a parte un problema ad aprire Google Maps che sto cercando di risolvere) con una fluidità sicuramente migliore di quella che avevo con Gingerbread.

Prima di misurare la velocità di funzionamento, voglio invece finire di configurare il telefono installando tutte le mie applicazioni e file.

Al momento il confronto non sarebbe alla pari visto che ora il Note è decisamente “verginello”.

Chiudo questo articolo con un’ultima informazione.

Come potete leggere dal thread di Xda che ho linkato, grazie ai permessi di root, dovrebbe essere possibile installare nel Note la Touch Wiz 5 del Galaxy S3, un nuovo toggle a 15 elementi, la possibilità di registrare le telefonate, un widget trasparente accuweather e dei live wallpaper sempre estratti dal S3.

vivohitech

Tecnologie quotidiane

Il più bello dei mari ...

Life is what happens to you while you're busy making other plans

xda-developers

News Recensioni & Video sul Note

www.androidworld.it/

Just another WordPress.com site

feedsportal.com - This domain may be for sale!

News Recensioni & Video sul Note

Android HDblog

News Recensioni & Video sul Note

Tecnophone, tecnologia e cellulari per tutti i gusti!!

Tecnologia & cellulari per tutti i gusti!!!

Batista70Phone Blog

Il Lato Umano della Tecnologia

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.